Gnocchi burro, timo e zafferano

Cose semplici e antiche in tempi di "guerra"


Quando ero bambino i gnocchi li facevo con mia nonna: sul tavolo della cucina farina, uova e patate di Entracque erano una festa. Lei si muoveva veloce, le mani sicure a tagliare, versare, impastare mentre io spandevo la farina sull'asse e con le mani bianche, felice, la guardavo rapito. 

In questo periodo che trascorro a casa #iorestoacasa come tanti di voi, ora che il tempo è diventato brutalmente prolisso e al contempo in qualche modo gentile, penso spesso a mia nonna: lei, che ha visto la #guerra Mi chiedo cosa abbia pensato e credo che forse siamo più fortunati noi ora o solo che qualunque guerra vada affrontata con coraggio senza perdersi d'animo. #covid19 Per questo  ho deciso di dedicarmi alla cucina per diletto e non per lavoro, e di rispolverare vecchie ricette, un pò più lunghe da realizzare - il tempo però non mi manca - che però conservano gli stessi sapori di quando ero bambino.


“Ingredienti per 2 persone: n° 6 patate vecchie di montagna le più indicate sono quelle di Entracque, farina bianca 1/4 circa del volume delle patate, 1 uovo, zafferano, la punta di un cucchiaino, 1 pizzico di sale. Tempo di preparazione 40 minuti circa”

PREPARAZIONE Lavate bene le patate senza sbucciarle e mettetele a cuocere in acqua bollente per circa 20/30 min. Verificate la cottura con la punta di una forchetta: se entra senza difficoltà sono cotte. Scolatele, sbucciatele a caldo e sopra un asse di legno pestatele finemente utilizzando una forchetta. Con le patate che avete precedentemente schiacciato formate una mezza sfera, apritela in cima facendo una croce e, nella croce, versate la farina. La farina dovrà essere pari a circa 1/4 del volume delle patate. Fate un buco al centro della mezza sfera e formate una fontana, in cui andate a versare l'uovo sbattuto precedentemente con il sale e lo zafferano. Incorporate lentamente la farina con le dita per amalgamare gli ingredienti. Poi, con più forza, impastate bene il composto in modo da renderlo omogeneo.


La prima parte del lavoro è terminata. Vi siete guadagnati un sorso di vino e il compiacimento di essere arrivati fino a qui. Bravi!


Ora proseguiamo. Formate un rotolo di circa 5 cm di diametro e tagliatelo a rondelle. Fate rotolare le rondelle sull'asse in modo da formare dei rotolini più piccoli, di circa 1 cm di diametro che, una volta pronti, andrete a spolverare di farina. Ora tagliateli facendo dei pezzetti di circa 1 cm, da far rotolare, uno ad uno, sulla punta della forchetta con una leggera pressione del pollice. Ed ecco i vostri gnocchi.


COTTURA In una padella sciogliete leggermente il burro unendo alcune foglioline di timo – ricordate, il burro non deve imbrunire - calate i gnocchi in abbondante acqua bollente, precedentemente salata e, non appena vengono a galla, scolate con una schiumarola e passateli in padella con il burro aromatizzato. Non vi resta che impiattare e decorare con qualche foglia di timo.


Luca Chionetti, cuoco, Fossano

Iscriviti al blog, invia il tuo commento e 

se vuoi invia il tuoi testi da pubblicare 

© 2020 Powerwd By Il Tempo Sospeso